Lombardia: tute blu, ancora tanta cassintegrazione.

Dimensione font:

FIOM-CGIL-OKSesto San Giovanni, 30 maggio 2016

Tute blu, ancora tanta cassa e già 2000 esuberi nel 2016. Rota: “Grave che la Regione Lombardia non abbia definito nuove norme sui contratti di solidarietà”

Cassa integrazione e licenziamenti non accennano a diminuire tra le tute blu. Si mantiene sostanzialmente invariata la cassa integrazione per i metalmeccanici nel mese di aprile.

In Lombardia sono state 3308687 le ore di ricorso a questo ammortizzatore sociale: un dato in linea con le proiezioni statistiche dell'Inps del mese analogo del 2015.

 

Tutti i territori fanno segnare decisi cali e flessioni costanti, ad eccezione del distretto di Como, dove l'incremento è del 100%.

La cassa integrazione per le tute blu diminuisce sotto quasi tutte le forme, tranne che in deroga (+20%): ordinaria (-47%), straordinaria (-39,17%).

Anche nell'intervallo annuo c'è da registrare una diminuzione importante della cassa integrazione.

Si tratta di una contrazione di un terzo (-32%) del livello, che rivela come ormai gli interventi sulla cassa si sono di molto ridotti rispetto al passato, segno che la base industriale a livello aziendale si sia davvero assottigliata nel tempo.

 

Per quanto riguarda la tipologia di intervento: tracollo sia della cassa integrazione ordinaria (-30%) che di quella straordinaria (-34%), più contenuto il ribasso di quella in deroga (-17%).

 

Non si ferma neanche la spirale dei licenziamenti.

 

Ad aprile intanto sono stati quasi 300 i lavoratori messi in mobilità tra le grandi e medie imprese metallurgiche della Lombardia. Sale a 2086 il numero dei licenziamenti dall'inizio del 2016: dato che risulta in diminuzione rispetto al primo quadrimestre del 2015 (2579 esuberi), ma che parla ancora di una crisi molto significativa e di un'emergenza del settore metallurgico, cui non si può rispondere con i sistemi convenzionali.

 

Tra i distretti più penalizzati: Milano (78 risorse lavorative messe in mobilità), Brescia (40), Como (31).

 

“Se il Jobs act serviva per le assunzioni, noi continuiamo a contare i licenziamenti”, osserva il segretario generale della FIOM Cgil Lombardia Mirco Rota.

 

“Ci sono ancora molti lavoratori in cassa integrazione, con poche possibilità di riprendere il lavoro e perdurano ancora diverse situazioni di crisi aziendali. In una situazione così delicata, ribadisce Rota, non si comprende come mai Regione Lombardia non abbia ancora provveduto e definire nuove norme sui contratti di solidarietà, lasciando nel l'incertezza migliaia di lavoratori e diverse aziende. Non si può temporeggiare quando molti rischiano il loro posto di lavoro”.

 

N.B. In allegato valori e tabelle relative alla cassa integrazione e alla messa in mobilità

 

 

 

 

Attachments:
FileFile size
Download this file (223-04-2016.pdf)223-04-2016.pdf36 Kb
Download this file (16MaggioAprile.pdf)16MaggioAprile.pdf61 Kb
Download this file (16AprileAprile.pdf)16AprileAprile.pdf61 Kb

Calendario Iniziative

Tesseramento

3- Locandine tesseramento 2020624 - Locandine tesseramento 2020

3- Locandine tesseramento 2020

 

 

 

 

Campagne Fiom Lombardia

Tag Cloud